LA CHIESA: SALE E LIEVITO O POTERE TRA I POTERI?

Christian Albini I cristiani e la politica. I cristiani e i signori dell’economia. I cristiani e il sistema dell’informazione. La Chiesa cattolica non sta su un pianeta lontano. Vive nella compagnia degli uomini, nelle nostre strade e piazze, mischiata alle nostre vicende che sono anche vicende di potere. Che cosa significa essere discepoli del Signore Gesù, oggi, in questi contesti? L’impotenza di Dio Tutti gli sconfitti di oggi e di sempre, tutti gli esclusi, i calpestati, i derisi, i condannati a morte hanno Dio dalla loro parte, appartengono al suo Regno, quello di Cristo. Al contrario, tutti coloro che nella Chiesa e nel mondo cercano dominio, prestigio, compiono violenze e discriminazioni, maneggiano patiboli, tutti costoro non appartengono al Regno di Cristo, rinnegano il Dio di Gesù Cristo. Chi ha detto che Dio deve essere potente, rispettabile, intoccabile, punitivo? Molti lo hanno pensato, Gesù li ha smentiti. «Se sei figlio di Dio, salva te stesso, scendi dalla croce». La tentazione più grande e la supponenza del potere: Dio ha salvato noi proprio perché non ha salvato se stesso. Come se il silenzio e l’impotenza non fossero scelte di Dio. Scelte di nonviolenza e di amore. Dio è povero di tutto, tranne che di amore. Ha amato a tal punto la vita da perderla perché noi l’amassimo di più. «Il mio regno non è di questo mondo», dice Gesù a Pilato. Alterità radicale di Dio rispetto ai nostri pensieri ...

Leggi tutto