Home > Archivio > Editoriali > 9 OTTOBRE DIAMO VOCE ALLA PACE

9 OTTOBRE DIAMO VOCE ALLA PACE

Qui di seguito il testo del messaggio di adesione dell’Associazione Viandanti alla Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità.
hashtag: #perugiassisi

* * * * * *

Diamo voce alla pace.
La nostra adesione alla Marcia 2016 non è formale, come la proposta che sostiene l’iniziativa non è solo simbolica.
I Viandanti sono ovviamente in cammino e si riconoscono come cercatori, consapevoli che il mondo potrebbe essere migliore e salvaguardare i diritti di tutti e di ciascuno.
La pace è l’obiettivo che impegna ogni giorno anche noi.

In questi giorni cade il 15° anniversario dell’inizio della seconda guerra in Afghanistan. Dopo i dieci anni dell’invasione sovietica e i disastri del conflitto civile, gli Stati Uniti hanno investito almeno 800 miliardi di dollari per produrre oltre centomila vittime tra cui 3520 tra i militari occidentali. D’altra parte constatiamo, in questi stessi giorni, che altri paesi, come la Russia, si macchiano di analoghe colpe in Siria e nel Medio Oriente.
Le spedizioni militari unite alla volontà di dominio – da qualunque parte provengano – non potranno mai sostituire la civiltà dei rapporti e le misure preventive all’estendersi della violenza.

Le religioni hanno tutte, nel nucleo dei diversi messaggi, la proclamazione del valore della pace: occorre che gli umani, credenti di tutte le fedi e laici, colgano l’invito a rendere concreti i gesti che possono renderli coerenti con le loro aspirazioni.

Come Viandanti non possiamo che privilegiare la coerenza che comporta l’adesione alla Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità, perciò anche il nostro cammino farà riferimento e darà sostegno alle campagne:
– per una corretta informazione sui conflitti;
– per il controllo e la riduzione del commercio delle armi;
– per lo sviluppo dell’azione diplomatica nelle aree di crisi;
nella consapevolezza che occorre mantenere una costante pressione sui governi e sulla loro azione per orientare le scelte politiche.
La pace, infatti, è ad un tempo scelta morale e politica.

Nell’aderire alla Marcia il nostro augurio è perché tutti, ogni giorno, siamo capaci di
Dare voce alla pace. 

Franco Ferrari
Presidente Associazione Viandanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

L’IDENTITÀ CRISTIANA
NON È QUEL CHE CREDI

PER UNA CHIESA CAPACE
DI IMPARARE DALLA STORIA

ADRIANA ZARRI. MONACO IN DIALOGO

IL PAPA, I VESCOVI EUROPEI, L’ EUROPA E I NAZIONALISMI