ANNO SETTIMO DEL PONTIFICATO
SOLITUDINE E OPPOSIZIONI

Giancarla Codrignani

L'opposizione a papa Francesco è ormai di assoluta evidenza e anche i media hanno abbandonato il tradizionale riserbo, sui fatti interni alla Curia romana, mentre le preoccupazioni sanitarie non hanno messo in ombra il lavorio non più nemmeno sotterraneo di screditare papa Francesco. 

Un simbolo e, ad un tempo, un segnale L'immagine della veste bianca nel deserto di piazza san Pietro in una sera scura e bagnata è rimasta impressa come simbolo della nostra infelice precarietà. Ma è leggibile anche come segnale della solitudine di un papa nella sua Chiesa, bisognosa di unità, ma divisa secondo interpretazioni dell'appartenenza cristiana non più limitata alle scuole teologiche, ma affidata ai credenti nell'applicazione del mandato di un Concilio, evidentemente ancora scomodo anche se garantito alla presenza dello Spirito.

Il rovesciamento gerarchico dalla Gerarchia al Popolo di Dio, convalidato dall'autonomia riconosciuta al laicato, ha investito e diviso una Gerarchia timorosa della perdita di valore sacrale del dogma e determinata a mantenere il potere e il controllo sulla cristianità.

Appare ancora rivelatrice della sua capacità politica la decisione di Giovanni XXIII di dare l'annuncio del Vaticano II prima alla stampa che alla curia. Paolo VI lo guidò a definizione, ma gli oppositori ebbero poi partita vinta sulla libertà di imparare a leggere meglio il Vangelo alla luce della modernità. Infatti il Popolo di Dio - come la società civile - cattolico, "naturalmente" plurale, rimasto ignorante nell'approfondimento dei valori, è stato consegnato acriticamente sia a ...

Leggi tutto