Home > Rubriche > Le nostre letture > Per una spiritualità laicale > UN LESSICO PER PENSARE IN MODO APERTO

UN LESSICO PER PENSARE IN MODO APERTO

Si dice che ci sono libri che si diffondono per il passaparola dei lettori. È il caso di questo testo di don Angelo Casati che, senza alcuna pubblicità, è già arrivato alla terza ristampa.

Don Angelo è un prete milanese ormai giunto alla pensione da qualche anno. La sua lunga esperienza parrocchiale è l’humusin cui sono maturate una profonda attenzione all’ascolto, una rara capacità di usare la parola poetica e la parola biblica lasciandosi capire da tutti, una grande mitezza. Ospitando libertà raccoglie i testi degli interventi tenuti da don Angelo a Crema tra il 2008 e il 2010, durante un percorso di ascolto e dialogo: Parola e parole sulle strade della vita …là dove insieme cammiamo e insieme ci interroghiamo.

I titoli dei capitoli spiegano il senso di questa formula; sono infatti termini dell’esperienza umana comune, che riguardano tutti, credenti e no: giustizia e umanità, libertà e leggerezza, gratuità e gratitudine, semplicità e quotidianità, amicizia e affidabilità, silenzio e ascolto, arroganza e mitezza, menzogna e schiettezza, strategia e incanto, dottrina e strada, vicini e lontani. Don Angelo li esplora, li visita, ne dischiude il senso. Si tratta quasi di un lessico della vita di oggi, sono toccati i vissuti e i bisogni di molti di noi.

In questa rilettura entra senza forzature anche la prospettiva di fede, una fede guidata dal testo biblico che è un pensare in modo aperto, senza attestarsi su posizioni di parte, di marca ecclesiale… Scrive nella prefazione Erri De Luca: «Don Angelo rianima la parola antica, ci soffia sopra e quella torna a sprigionare fiamma».

Non è riparo, arrocco, trincea, l’esempio che dà Cristo, ma scelta di sbaraglio e opposizione ai poteri del tempo, politici e religiosi. Pratica la libertà che non è pista battuta, ma apertura di traccia nella neve fresca. Don Angelo è discepolo di questa libertà e fa vedere come la fede la richiede e la esalta. Senza atteggiarsi a maestro che ripete lezioni, ma con l’entusiasmo della scoperta.

La lettura di questo libro fa intuire la fede non come evasione dalla vita, ma come suo arricchimento, come una spinta a vivere l’umanità che ci accomuna tutti raggiungendo una maggiore profondità. E’ un vero e proprio vocabolario di una spiritualità contemporanea e laicale dove non si trova Dio in luoghi e momenti «sacri», separati dal mondo e dagli altri, ma al centro delle esperienze e degli stati d’animo che più ci toccano.

Christian Albini

Articoli correlati

Copertina "La fede nuda"

LA FEDE NUDA Un dialogo che nasce da una vita credente

Philip Sheldrake Farsi amico il desiderio

CERCARE DIO ATTRAVERSO IL DESIDERIO

Adriana Valerio Maria di Nazaret Storia tradizioni dogmi

MARIA DI NAZARET

RIDARE UN’ANIMA ALLA POLITICA